Consiglio dei capi pattuglia

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Jump to navigation Jump to search

Il consiglio dei capi pattuglia[1] è la riunione (generalmente) dei capi pattuglia con i capi reparto. È il centro animatore, propulsore e regolatore dell'attività di reparto, un organo propositivo e di verifica che deve favorire la partecipazione attiva di tutti i componenti alle scelte e costituire un momento educativo per tutti i partecipanti. All'interno di esso emergono le aspirazioni e i desideri dei ragazzi e delle ragazze più grandi ed è un momento di crescita per loro, dato che vivono in prima persona l'esperienza della responsabilità di cose e persone, in un'ottica di servizio, collaborazione e solidarietà.

Nomi e composizioni nelle associazioni di lingua italiana

  • In AGESCI il consiglio capi (abbreviato in ConCa) è costituito dai capi squadriglia, dai capi reparto, dall'assistente ecclesiastico, eventualmente dagli aiuti (tenendo conto che il rapporto numerico non finisca per condizionare i ragazzi e le ragazze) e, quando è opportuno, dai vice capi squadriglia.
  • Nel CNGEI il consiglio di reparto, chiamato plancia nei reparti nautici, è formato dal/la capo reparto, che lo presiede, dai vice capi reparto e dai capi e vice capi pattuglia/equipaggio.
  • Nella FSE il consiglio capi è strettamente legato alla corte d'onore e ne ha la stessa composizione: capo riparto, assistente spirituale e capi squadriglia. Qualche volta, verso la fine dell'anno, può essere utile invitare anche i vice capi squadriglia, perché inizino ad imparare per quando saranno capi squadriglia.

Compiti

Si incontra con periodicità preferibilmente regolare, con frequenza almeno mensile, per:

  • organizzare e gestire la vita del reparto
  • fare il punto della situazione e analizzare i bisogni del reparto
  • stabilire il programma nel rispetto dei tempi e delle necessità legate alle imprese in corso
  • elaborare e proporre iniziative al reparto
  • preparare il consiglio della legge e garantirne il rispetto delle decisioni
  • individuare le occasioni più adeguate nelle quali i singoli esploratori e guide potranno concretizzare gli impegni del loro sentiero
  • riferire sugli argomenti trattati nei consigli di pattuglia, presentando commenti e proposte scaturiti da essi
  • riferire e discutere sulla situazione interna delle pattuglie e sugli eventuali problemi che si possono creare

Di ogni riunione viene redatto il verbale sul libro d'oro di reparto o su di un apposito libro dei verbali del consiglio, a seconda delle tradizioni.

Note

  1. Così viene chiamato da Baden-Powell nella quarta chiacchierata di Scautismo per ragazzi