Nodo di Ashley

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Jump to navigation Jump to search
Nodo di giunzione
Nodo di Ashley
Nodo di Ashley
ABOK ##1452
Utilizzo giunzione funi di qualsiasi diametro - in lasco
Tenuta sotto carico da lenza - non addensante











Il nodo di Ashley viene descritto per la prima volta nel manuale The Ashley Book of knots (ABOK), ed allo stesso autore , Clifford W. Ashley, ne viene attribuita la paternità. In seguito ad una prova di tenuta allo strappo effettuata da Ashley su diversi nodi di giunzione è risultato il più solido tra quelli che offrono la possibilità di essere poi disfatti (volontariamente) senza difficoltà. Questa ultima caratteristica dipende dal modo in cui il nodo viene eseguito. Il modo più sicuro è leggermente più complicato, ma con un po' di pratica si impara a farlo velocemente ed evita il rischio di realizzarne per errore uno simile ma pericoloso (ABOK #1409) .

Left Si sovrappone il corrente della fune sinistra sul dormiente per ottenere una "b".
Left Si infila il corrente nell' anello formato sul dormiente per ottenere un Nodo semplice.
Left Si passa il corrente della fune destra sotto quello sinistro e, invertendo la direzione, si infila nell' anello ottenuto in precedenza e si sovrappone al dormiente fino ad ottenere una "q".
Left Il corrente, passando dietro il dormiente, viene collocato a contatto del capo libero dell' altra fune, con orientamento opposto.
Left Serrando assieme ciascun corrente ed il dormiente dell' altra fune, tirare nelle opposte direzioni per chiudere il nodo.

BIBLIOGRAFIA

The Ashley book of knots

LINK CORRELATI

[ http://www.davidmdelaney.com/ashley-bend.html]