The ScoutWiki Network server was upgraded on November 20th, 2019. The maintenance is now over. Please inform us in Slack or via email support@scoutwiki.org if you encounter any unexpected errors – it's possible the upgrade has missed something. Thanks and happy scoutwiki'ng!

Veglia d'armi

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Jump to navigation Jump to search

La Veglia d'armi (o Veglia della Promessa) è quell'attività scout in cui il novizio scout (cioè un ragazzo o una ragazza appena entrato in reparto, quindi solitamente sugli 11-12 anni) si prepara a pronunciare la Promessa scout.

Obiettivi educativi

La veglia consente al novizio di prepararsi in una atmosfera raccolta alla Promessa, e di riflettere e pregare prima di impegnarsi solennemente. È anche occasione per tutto il resto del reparto di rafforzare, nel ricordo e nella preghiera comune, l'impegno di tutti.

Preparazione

Essa ha luogo la sera precedente la cerimonia della Promessa, se possibile durante un'uscita; con particolare accuratezza va effettuata la scelta del luogo: una piccola cappella, un santuario, un luogo naturale suggestivo e comunque solitario. La veglia si inquadra nella tradizione cavalleresca a cui si ispirò B.-P. nell'ideare lo scautismo: essa ricorda la meditazione dei cavalieri prima dell'investitura (non è un caso che, nell'originale inglese, la cerimonia della promessa si chiami proprio investitura).

Svolgimento

Lo svolgimento dipende dalle tradizioni delle associazioni e dei singoli gruppi. Molti gruppi seguono, in tutto o in parte, la cerimonia indicata da Mario Sica in Cerimonie Scout.

Svolgimento nell'Associazione Italiana Guide e Scouts d'Europa Cattolici

La veglia si compone di due parti: la prima è ritmata da canti, letture, silenzi, preghiere e gesti simbolici; ad essa partecipa la sola squadriglia di appartenenza del novizio interessato, oppure tutto il reparto. La conduzione è affidata alla squadriglia del novizio, insieme al capo e all'assistente spirituale; la durata non è generalmente superiore ad un'ora. La seconda parte è caratterizzata da silenzio e meditazione, cui partecipa il solo novizio. È questo un momento unico, ben preparato e valorizzato dai capi. Il novizio si trova nelle migliori condizioni per riflettere sulla veglia appena vissuta; ha a disposizione un'atmosfera che lo avvicina a Dio: il cielo stellato oppure l'Eucarestia nel Tabernacolo della Chiesa in cui egli si trova. Ha un Vangelo, un libro di preghiere o altri spunti di riflessioni preparati dai capi da poter sfruttare per riflettere. La durata di quest'ultima parte è indicativamente di venti minuti.

Bibliografia

  • Mario Sica, Cerimonie Scout, 1a ed. , Roma. ISBN 978-88-8054-312-1
  • Commissariato Nazionale: Esploratori FSE Norme Direttive e Cerimoniale della Branca Esploratori, 2006, Padova, Scouting Soc. Coop.
  • Attilio Grieco, Il sestante - Schede per il Capo Riparto, Padova, Scouting Soc. Coop, 2006.