The ScoutWiki Network server was upgraded on November 20th, 2019. The maintenance is now over. Please inform us in Slack or via email support@scoutwiki.org if you encounter any unexpected errors – it's possible the upgrade has missed something. Thanks and happy scoutwiki'ng!

Materassino autogonfiante

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Jump to navigation Jump to search
Un materassino autogonfiante

Il materassino autogonfiante (a volte chiamato erroneamente autogonfiabile) è un tipo di letto da campo costituito da un involucro di tessuto semi impermeabile riempito con un'imbottitura di schiuma a celle aperte, solida e porosa, chiuso con una valvola filettata. Può avere una classica forma rettangolare oppure una a mummia, cioé la sua larghezza si restringe sempre più scendendo verso i piedi, consentendo un minore ingombro nello zaino. Esiste anche la versione con il cuscino integrato e quella con il sacco a pelo tutto in uno.

Caratteristiche

I pezzi di schiuma all'interno possono essere a nido d'ape, a rombi, a listarelle o di altra forma e hanno la caratteristica di comprimersi quando il materassino è arrotolato ed espandersi quando lo si srotola, aspirando aria dall'esterno attraverso la valvola e facendo così gonfiare il materassino. Quando è gonfio è spesso solo 3-4 cm e perciò, se ci si trova su una superficie dura e si dorme di fianco, ci si può svegliare con le anche indolenzite. Per eliminare o almeno ridurre questo problema si può mettere uno spessore sotto le costole (ad esempio un maglione ripiegato o un cuscino basso) oppure si può infilare uno stuoino sotto l'autogonfiante, così si aumentano anche la protezione del rivestimento esterno e l'isolamento termico dal terreno. Di per sé, comunque, esso ha già un valore R abbastanza buono, di solito compreso tra 4 e 5, grazie alla presenza sia della schiuma che dello strato d'aria, che impedisce al corpo di schiacciare molto la schiuma stessa. A parità di spessore, il valore R è inferiore a quello di uno stuoino, poiché per rendere la schiuma morbida e comprimibile è necessario che essa abbia le celle d'aria di dimensioni superiori.

Uso e manutenzione

L'autogonfiante è relativamente pesante e ingombrante da trasportare, inoltre ha bisogno di una superficie rigida per poter essere arrotolato bene, dato che va schiacciato con forza per comprimerlo. Quando non lo si usa è consigliabile conservarlo completamente aperto, in modo da prolungare la vita utile dell'imbottitura. Dopo qualche anno, infatti, la schiuma comincia a perdere la sua elasticità, il materassino non si autogonfia più come dovrebbe e si è costretti a finire di gonfiarlo a forza di polmoni, anche se è un'operazione sconsigliata, poiché così facendo si introducono umidità e batteri e in particolare l'umidità riduce l'isolamento.

Per pulirlo non va assolutamente messo in lavatrice, è sufficiente passare una spugna umida sulla superficie, eventualmente dopo averci spruzzato sopra un detergente delicato. Per farlo asciugare va collocato in un ambiente secco e aerato, senza esporlo direttamente alla luce del sole o vicino ad altre fonti di calore.

In caso di foratura, se non si riesce a trovare il buco a vista oppure ad orecchio, si passa sulla superficie una spugna bagnata con acqua e sapone, si comprime con le mani e si cerca di individuare dove vengono prodotte le bollicine. Il foro si ripara con l'apposito kit di manutenzione, composto da toppa, colla e detergente per pulire la superficie. Se non lo si ha più a disposizione, si può usare provvisoriamente del nastro telato.