The ScoutWiki Network server was upgraded on November 20th, 2019. The maintenance is now over. Please inform us in Slack or via email support@scoutwiki.org if you encounter any unexpected errors – it's possible the upgrade has missed something. Thanks and happy scoutwiki'ng!

Marie Diémer

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Personalità
Marie Diémer
Marie Diémer

Marie Demier negli anni '30

Nascita Épinal, 11 settembre 1877
Morte Fontainebleau, 3 giugno 1938










Marie Diémer (Épinal, 11 settembre 1877 – Fontainebleau, 3 giugno 1938) attivista nel sociale, educatrice e fondatrice delle Jeannettes, branca femminile di bambine degli Scouts unitaires de France (SUF).


Breve Biografia

Marie, la maggiore di due sorelle, nata in una famiglia protestante, dimostra precoce interesse per la religione. Studierà altrove per un decennio religione antica, filosofia e antropologia. Durante questo periodo, darà vita a "La Leggenda Aurea di Alsace", un pezzo teatrale che sarà incoronato dall'Accademia francese.

Nel 1913, ha partecipato alla fondazione delle Infermiere a Domicilio Francesi (AIV) con Renée Montmort con cui anni fonderà le Guide di Francia. Da quella data, si dedica all'azione e all'educazione sociale: lotta contro la tubercolosi con la creazione di alloggi e case di cura, partecipa alla Croce Rossa Americana, fonda una delle prime scuole sociali a Levallois-Perret...

Nel 1920, ha scoperto lo scautismo con la sua amica Renée Montmort. In precedenza aveva fondato un'associazione per donne di tutte le fedi, le "guardiane della Francia" ad alta connotazione cavalleresca.

Nel 1922, partecipa al primo incontro internazionale di Guide ed Esploratrici di molti paesi nella città di Argeronne.

Nel 1924, si convertì al Cattolicesimo.

Partecipa molto attivamente nelle Guide di Francia e scrive Il Libro della Foresta Blu che sarà la base della pedagogia delle Jeannettes (la branca femminile dagli 8 ai 12 anni all'interno del SUF). Considerato alla stregua del Libro della Giungla per i Lupetti.

Nel 1925, fa la sua promessa al Parigi 3.

Riceve la "Légion d'Honneur" nel 1934, e diviene membro del Consiglio Superiore di Educazione Fisica. Insieme a Marie Jeanne Bassot, contribuisce allo sviluppo dei centri di azione sociale.

Collegamenti Esterni