The ScoutWiki Network server was upgraded on November 20th, 2019. The maintenance is now over. Please inform us in Slack or via email support@scoutwiki.org if you encounter any unexpected errors – it's possible the upgrade has missed something. Thanks and happy scoutwiki'ng!

Associazione Scautistica Cattolica Italiana

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Jump to navigation Jump to search
bussola Nota disambigua - Questa voce riguarda l'associazione fondata nel 1997. Se stai cercando la voce relativa al quella omonima operante dal 1916 al 1974 vedi ASCI.


Associazione scout
Nuova ASCI
ASCI.png
Caratteristiche
Ambito Italia
Affiliazioni CES


Religione cattolica
Fondazione
Fondatori ASGE
Data fondazione 5 agosto 1997
Contatti
Presidente Gianfranco Salzillo
Capo Scout Gianfranco Salzillo


Indirizzo Palazzo dei Gigli della Montagna, 28 - 00139 Roma
Email asci.sedenazionale@yahoo.it
Telefono +39 06 233202601
Fax +39 06 233202601
Sito web



L'Associazione Scautistica Cattolica Italiana - Esploratori d'Italia (ASCI) è un'associazione scout italiana nata nel 1997, ispirandosi, solo nel nome, ad un'omonima associazione del passato.

Storia

Il 5 agosto 1997 a Roma la Associazione Scout e Guide d'Europa (ASGE)[1] decise di cambiar nome in A.S.C.I. (Associazione Scautistica Cattolica Italiana) - Esploratori d'Italia.


Questa nuova associazione è spesso anche indicata come "Nuova ASCI" quando si vogliono evitare confusioni con l'ASCI del 1916.

Dopo appena un anno dalla nascita della nuova associazione, nel 1998, i gruppi Frascati 1 e Roma 51 della Nuova ASCI se ne staccarono e fondarono l'Associazione Scautistica Europea (ASE), riprendendo il vecchio stemma dell’ASGE e rientrando nella FederScout.

Due scissioni della nuova ASCI avvengono nel primo decennio del ventunesimo secolo: la prima si ebbe Civitavecchia nel 2004, portando alla nascita dei Boy Scouts of Italy (BSI). La seconda, invece, si ebbe il 28 settembre 2008 da parte di ben 20 gruppi (cioè quasi tutti) usciti dall'Assemblea Nazionale e altri gruppi che avevano abbandonato l'Associazione tempo prima e che fondarono gli l'ASCI-Esploratori e Guide d'Italia.

Metodo

Ragazzi appartenenti al gruppo ASCI Roma 5

L'ASCI delle origini aveva l'uniforme color cachi, ma fu poi cambiata in grigia perché considerata meno militaresca. La Nuova ASCI ha invece scelto di tornare al cachi.

Nell'ASCI delle origini il sentiero degli esploratori prevedeva i seguenti momenti: Esploratore semplice, esploratore di seconda classe, esploratore di prima classe ed esploratore scelto, cosi' come e' stato illustrato dallo stesso Robert Baden-Powell nel suo libro "Scautismo per ragazzi". Questo fu poi sostituito dal cosiddetto nuovo sentiero, articolato su cinque livelli. La Nuova ASCI ha preferito compiere il cammino inverso, tornando alle classi.

Nella vecchia ASCI era presente la Corte d'Onore (anche questo inventato da Robert Baden-Powell), ovvero un momento solenne in cui i Capi Squadriglia (insieme al Capo Riparto) prendono decisioni importanti per il Riparto stesso (ad esempio chi deve fare la Promessa scout e dove, oppure le punizioni da da infliggere). In seguito, visti vari abusi, l'ASCI (ed in seguito l'AGESCI) decise di assegnare le responsabilità della Corte d'Onore al Consiglio Capi, abolendo la possibilità di decidere sulle punizioni da parte dei capi squadriglia. Anche in questo la nuova ASCI ha contraddetto la vecchia, tornando indietro.

La nuova ASCI è inoltre aperta anche alle donne e pratica la coeducazione. Infine, ha aggiunto le branche Castorini e MAS (Movimento Adulti Scout). Quest'ultima è una vera e propria quinta branca dell'Associazione, al contrario del Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani (MASCI) che fu fondato da Mario Mazza come associazione separata dall'ASCI.

Mentre l'ASCI storica aderiva all'OMMS (lo stesso Mario di Carpegna sedette nel Comitato Mondiale Scout), l'organizzazione mondiale fondata da B.-P., la nuova ASCI aderisce alla ben più recente CES.

Note

  1. L'ASGE, già facente parte della FederScout, che aveva aderito agli Scouts d'Europa e ne erano poi usciti.

Collegamenti esterni