Alla nostra Signora della strada

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Jump to navigation Jump to search

Canto della tradizione ASCI, Alla nostra Signora della strada è conosciuto (erroneamente) come "Madonna degli scout". La musica è stata tratta da un canto della guerra dei trent'anni (1618-1648), le parole sono di Mons. Andrea Ghetti e Vittorio Ghetti. Il titolo originale del brano è "Unser liebe fraue", un marcia militare che divenne tristemente nota in tutta Europa in quanto si trattava dell'inno dei lanzichenecchi.

Testo

Madonna degli scouts, ascolta, t'invochiam,
concedi un forte cuore a noi che ora partiam!
La strada è tanto lunga il freddo già ci assal;
respingi tu Regina, lo spirito del mal.

E il ritmo dei passi ci accompagnerà:
Là verso gli orizzonti lontani si va.
E il ritmo dei passi ci accompagnerà:
Là verso gli orizzonti lontani si va.

E lungo quella strada non ci lasciare tu,
nel volto di chi soffre facci trovar Gesù.
Allor ci fermeremo le piaghe a medicar
e il pianto di chi è solo sapremo consolar.

E il ritmo dei passi ...

Lungo la strada bianca la croce apparirà:
è croce che ricorda chi ci ha lasciato già.
Pur tu sotto una croce Maria restasti un dì;
per loro ti preghiamo sommessamente qui.

E il ritmo dei passi ...

Forse lungo il cammino qualcuno s'arresterà,
forse fuor della pista la gioia cercherà.
Allora Madre nostra non lo dimenticar
e prendilo per mano e sappilo aiutar.

E il ritmo dei passi ...

Or sulla strada andiamo, cantando, esplorator;
la strada della vita: uniamo i nostri cuor!
Uniscici Maria, guidandoci lassù
alla casa del Padre, nel gaudio di Gesù.

E il ritmo dei passi ...

Varianti

"nel volto di chi soffre saprem trovar Gesù" invece che "nel volto di chi soffre facci trovar Gesù"