The wikis have been migrated to a new, more powerful server provided by TNNet. If you see any problems, please let us know as soon as possible at support@scoutwiki.org and we will try to solve them. We want to thank TNNet for providing the server space for the wikis!

9° Moot mondiale dello scautismo

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Jump to navigation Jump to search
Evento
9° Moot mondiale dello scautismo
9° Moot mondiale dello scautismo
Localizzazione
Città Kandersteg
Stato Svizzera
Dati dell'evento
Partecipanti 1.407
Stati presenti 52
Periodo 27 luglio - 4 agosto 1992










Il nono moot mondiale dello scautismo (che all'epoca si chiamava World Moot) si svolse, per la terza volta nella storia, dopo il primo ed il quinto, presso il Centro Scout Internazionale di Kandersteg dal 27 luglio al 4 agosto 1992, meno di due anni dopo la precedente edizione. A partire da questo moot si decise di ripristinare la cadenza quadriennale che l'evento aveva prima dell'interruzione avvenuta tra il 1962 ed il 1990, periodo in cui vennero celebrati 5 "Anni Moot". Nello stesso paese di Kandersteg, in contemporanea, si tenne anche il quinto Forum mondiale dei giovani.

Il campo fu aperto ufficialmente dal capo scout svizzero Rolf Steiner, con una spettacolare cerimonia, il cui motto era Colori della vita, che culminò con l'alzabandiera di tutti i contingenti. Essa terminò poi con la canzone del moot, il cambio dei fazzolettoni nazionali con quello ufficiale dell'evento e l'arrivo di sei paracadutisti, che usarono dei paracadute con i colori del moot.

Martedì 28 luglio, a partire dalle 6.30 del mattino, i vari gruppi cominciarono a lasciare il campo per partecipare a quattro giorni e mezzo di avventure ed attività, che loro stessi avevano scelto fra 80 diverse. Ad esempio c'erano: Swiss Adventure, che includeva un percorso a bordo di carretti trainati da cavalli, imbarcazioni e treni, tanto cibo e fatica su e giù per le Alpi; River rafting on the River Aare, che prevedeva la costruzione delle zattere e la navigazione sul fiume Aare, oltre ad un paio di notti in un rifugio alpino; A few Colors of Switzerland, con visite alla fabbrica di cioccolato, al caseificio e ad un antico paese, una notte tipica svizzera con canti yodel, una fonduta con scout e guide del posto e sport acquatici sul lago di Costanza.

Tutti i gruppi fecero ritorno al campo base per la cerimonia centrale dei Colori dei continenti il 1° agosto, il giorno della festa nazionale svizzera. Durante la giornata ogni contingente ebbe l'opportunità di mostrare poster, volantini ed informazioni varie sulla propria nazione di provenienza. Betty Clay, terza figlia di Robert Baden-Powell all'epoca settantacinquenne, visitò il moot proprio il 1° agosto e passò l'intera giornata a girare tra le esposizioni nazionali. Nella serata gli abitanti di Kandersteg, guidati da una banda di ottoni, con lanterne di carta e candele varie, arrivarono al campo per celebrare con gli scout la loro festa nazionale. Ci fu un concerto musicale di cinque diverse bande, canti di cori maschili locali ed uno spettacolo di fuochi d'artificio, che terminò con dei fuochi accesi sulle Alpi intorno al villaggio.

Durante i successivi sei giorni ognuno potè partecipare ad uno dei 63 hike guidati e non guidati agli interessanti luoghi svizzeri. Grazie all'efficiente servizio ferroviario e all'uso di pass gratuiti, ogni giorno si poteva vivere una nuova esperienza. La cerimonia di chiusura, infine, ebbe come tema i Colori dell'amicizia.

Collegamenti esterni