The MobileFrontend should be working again on the ScoutWikis

Henrietta Grace Smyth

Da ScoutWiki, il wiki sullo scautismo.
Personalità
Henrietta Grace Smyth
Henrietta Grace Smyth

Henrietta Grace Smyth

Nascita 3 settembre 1824
Morte 13 ottobre 1914










Henrietta Grace Smyth (3 settembre 182413 ottobre 1914) è stata la madre di Robert Baden-Powell. Suo padre era l'ammiraglio William Henry Smith e sua madre Eliza Anne Warington.


Donna fortemente determinata a far sì che suoi figli avessero successo, ella influenzò molto suo figlio Robert, dato che dovette occuparsi da sola della famiglia dopo la morte del marito, il Reverendo Baden Powell, avvenuta l'11 giugno 1860. Nel 1869, 9 anni dopo essere rimasta vedova, Henrietta, con l'intento di fornire un migliore sostegno al futuro dei figli, cambiò il cognome di famiglia da Powell in Baden-Powell, sfruttando la "classe" che il doppio cognome comportava in certi ambienti, e usando come primo il tedesco Baden, in un periodo in cui tutto ciò che avvicinava al germanismo della famiglia reale comportava vantaggi sociali.

Durante la sua vita, il fondatore dello scautismo tenne una fitta corrispondenza con la madre. Le sue lettere, spesso illustrate con schizzi e disegni, sono una delle fonti principali sulla sua vita e carriera. Scrisse di lei nel 1933 nel libro Varsity of Life:

(en )
« The whole secret of my getting on lay with my mother. How that wonderful woman managed to bring us all up, so that none of us did badly; and how she did not kill herself with the anxiety and strain I do not know and cannot understand. Not only did she, though a poor widow, feed, clothe and educate us, but she found time to do other work in the world particularly as one of the founders of the Girls' High School Movement, which has done so much for our womanhood to-day. It was her influence that guided me through life more than any precepts or discipline that I may have learned at school. »
(IT)
« Tutto il segreto del mio successo è dovuto a mia madre. Come quella donna meravigliosa lavorò per crescere tutti noi, in modo che nessuno finisse male, e come lei non si è uccisa a causa del'ansia e della tensione, io non lo so e non riesco a capirlo. Non solo lei, anche se era una povera vedova, ci nutriva, ci vestiva e ci educava, ma trovava il tempo per fare altri lavori in tutto il mondo, in particolare come uno dei fondatori del Movimento Scuola Superiore Femminile, che ha fatto tanto per la condizione femminile di oggi. È stata la sua influenza che mi ha guidato nella vita più di ogni precetto o disciplina che ho imparato a scuola. »

Collegamenti esterni